Usi dell’amianto

Le eccellenti proprietà fisico-chimiche dell’amianto in passato (anni ‘60-70-80) ne hanno favorito un impiego massiccio sia nell’industria che nell’edilizia, che in molti prodotti anche di uso comune.

Nel tempo, però, l’amianto si è rivelato nocivo per la salute dell’uomo ed i danni che esso provoca sono ormai ben noti.
L’esposizione a fibre di amianto è responsabile di patologie gravi ed irreversibili, tra le quali anche il cancro per cui è per la vostra salute che Vi consigliamo di apportare gli opportuni interventi di rimozione dell’amianto.

E’ sulla base della pericolosità di questa sostanza per la salute dell’uomo e dell’ambiente che lo Stato Italiano ha promulgato la Legge n. 257 del 27 marzo 1992 che ne detta le norme per la cessazione dell’impiego e per lo smaltimento controllato dell’amianto.
Questa legge prevede oltre al divieto di estrazione, importazione, esportazione, commercializzazione anche quello di produzione di materiali contenenti amianto.

NELL’EDILIZIA

L’amianto è stato largamente impiegato anche in edilizia.
L’utilizzazione più diffusa è stata certamente quella dell’impasto dell’amianto con cemento, comunemente detto Eternit:

LASTRE PIANE O ONDULATE
Le lastre ondulate venivano utilizzate per coperture di edifici industriali e civili e anche prefabbricati.
Le lastre piane, in particolare, erano impiegate come pareti divisorie non portanti.
Durante la fabbricazione potevano essere accoppiate con elementi quali schiume poliuretaniche, polistirolo espanso o lana di vetro.

TUBI
Lo stesso impasto di cemento-amianto (spesso però con alti tenori in crocidolite), essendo resistente all’alta pressione e all’attacco corrosivo di agenti chimici, era adatto alla fabbricazione di tubazioni per acquedotti o fognature.

TEGOLATURE
L’amianto è stato utilizzato in miscele di calcestruzzo per conferire alle tegole leggerezza e resistenza.
Potevano essere colorate per dare ai tetti l’aspetto tradizionale.

CANNE FUMARIE
I tubi di Eternit erano molto usati grazie alla loro buona resistenza termica.

INTONACI
L’amianto in polvere, mescolato con leganti particolari, è stato usato per intonaci e stucchi.
L’applicazione, oltre che poter essere effettuata come la malta tradizionale, poteva essere fatta anche a spruzzo, ad esempio per il rivestimento di strutture portanti quali solai e pilastri.
Sotto questa forma gli intonaci acquistavano particolari proprietà fonoassorbenti e di resistenza al fuoco.
Strutture metalliche di edifici (travi e colonne) sono state rivestite con amianto spruzzato affinché queste conservassero la loro robustezza in caso di incendi.